8 Gen

F: raccontato da un borgataro spaccone. Utilizzare un dialetto a scelta. Massimo 1500 bcs;

9 Risposte to “”

  1. anonimo 8 gennaio 2009 a 10:14 #

    O sapete che m’è successo ieri regà? ‘Na cosa che me potea succede solo a mi! Steo a aiutà mi nonno ‘n campagna e issu era appena finitu de mogne e vacche. Se mette a buttà er concime dentro a ‘na tanica zozza e acchiappa t’esce ‘n serpente de armeno tre metri! Tenevate da vedè sta bestia chello c’ha potutu creà! Co’ du secondi s’è arzata ‘n piedi e ha fattu n versu tremendu, che saria spaventatu pure Attila. Pòne ha cominciatu a move a coda deqquà e dellà come nu scopettone ‘mpazzitu. Nonnemu peròne nun s’è spaventatu, se l’è guardatu bbene e ha presu subbito a vanga. Co’ n’attimo j’ha mollatu na botta e ‘a spaccatu ‘n due! Tarmente tanto era grossu stu serpe, ha fattu nu schizzu de sangue e pure mezzu de latte che è arrivatu fino au soffittu e mi nonno s’è zozzatu ‘a faccia e i vestiti fino ai capelli. Tarmente forte è stata ‘a botta che u sposatamentu d’aria j’ha fattu volà via pure u cappellu siu de paja! Madò, na cosa così penso che na rivedrò mai ‘n vita mia, sicuru!

    * Il civitano è il dialetto del mio paese,Lanuvio, ed è un dialetto romanesco spurio.

  2. anonimo 8 gennaio 2009 a 13:05 #

    Ha’ visto quando te ttu mungi le mucche? I’ latte che tt’avanza e ’un si ricicla miha. Bah, icché ttu credi? Va ni’ tombino.
    Sicché c’era ’sto biscione di du’ metri e rotti, diobono, che ll’era diventato grasso a furia di bere ’i latte finito lì. N’ha sorbito a ufo per du’ mesi, lì, tranquillo. O che l’ha’visto te? Che l’ha visto i’ contadino? Sìhe… L’è rimasto lì, bòno e cheto. Dàgli di bischero…
    Sicché nulla, un giorno i’ nonno va lì, c’aveva da cambiare i’ concime, e s’è messo a bracare nella stalla. I’ serpente allora è venuto fòri: maiala! Gli ha fatto un fishtio da spaccagli gli orecchi, parea i’ diavolo.
    I’ nonno l’è rimasto lì, diacciato. I’ serpente l’è rimasto diacciato pure lui.
    Oh, i’ serpente c’aveva la testa indietro come ne’ film, ’un si scherza miha. L’era parecchio incazzato, da’ retta. I’ nonno però costì c’aveva gli attrezzi, sicché l’ha preso i’ badile.
    E ’un ttu pòi capire. Gli è stato ma di mórto rapido, ’na palla di foho: ’na randellata ni’ capo e l’ha aperto come ’na fiha. Tu vedessi icché gli è sortito: ’na risciacquata di sangue co i’ latte. Borda! Gli è schizzato ni’ viso e gli ha fatto vola’ via i’ cappello.

    Paolo Grassi

  3. anonimo 8 gennaio 2009 a 18:24 #

    (dialetto siciliano)

    Ora vi cuntu chi mi succidìu! Cosi di non crìdiri! V’a ricuddàti ’dda tànica vicìnu a unni muncèmu i vacchi? Eh, ddà. I sutta, ogni vvota, ci scula u latti, passànnu da canaletta. Quànnu iò annài pi pigghiàri a bacìla du concìmi, pìgghia e i ddà cadìu na serpi. Ma di chiddi rossi! Putìa èssiri quàcchi ddu metri! Llungàu a testa e friscàu, e ca cuda desi ’n coppu ’nterra chi fici trimàri tutti cosi. Iò, m’avìt’ a crìdiri, prima gghiacciài. E idda puru. Nenti, nuddu di ddui si muvìa. Poi m’arripigghiài, acchiappài a zappa e ci nni dèsi ’n coppu di chiddi giusti. Minchia, l’avìuvu a vidìri… a tagghiài in dui! E da panza ci niscìu nu sghìcciu di latti mmiscàtu a sangu così fotti chi mi fici vulari u cappeddu ch’avia ’nta testa.

    Laura Oliva

  4. anonimo 8 gennaio 2009 a 23:03 #

    Te ggiuro che una robba così nun l’avevo mai vista. C’hai presente ‘n boa, tipo quello der film, Amazzonas, na cosa der genere, ma co’ na testa quanto quella de na palla da boling (mimando una grossa palla con le mani). Mbé sto coso sarta fori da una tanca dietro a ‘ndo stanno a mungè e’ vacche. Te dico che già stava carico de tutto er latte che s’era scolato, ma quanno er vecchio che smucinava cor concime l’ha beccato, s’è tutto intirizzito, intoshtato e a tirato fori ‘n fischio da’a bocca che n’te dico. Me so venuti li bbrividi, pareva n’ coso de’ nferno. No, tu nun poj capì, era na bestia co’ na coda tanta (portandosi la mano a metà avambraccio) e quanno a’ moveva s’arzava a porvere da tera. Ha’ capito, a porvere da tera. Tipo una scopa, tipo una ramazza. Ma grossa così (allargando le braccia). Che to’o dico a fà, er vecchio ‘ntanto avea capito tutto. So ristati n’ attimo fermi a guardasse. Poi lui zitto zitto ha pijato na vanga dar muro. L’ha arzata e poi BOO! M’botto. Cioè l’ha aperta n’due. Come na cozza. Transhata de netto. Così (spacca in due un ipotetico corpo). Ma n’te dico come è annata a finì. Che te pare che era così semplice. Manco pe gniente. Qua’a cazzo de serpe c’aveva er’diavolo dentro e prima de crepà a fatto n’casino. Ha schizzato tutto, coi pezzi de sangue e der latte chi s’era beuta. N’te dico. No’ schifo, na puzza, un vero macello. Lassa perde. Era mejo si er vecchio o’ faceva co’ e mano. Si era pè me o stritolavo co ste pezze. Che n’ce credi. Mo te faccio vede, viè qua.

    Francesco Verso

  5. anonimo 13 gennaio 2009 a 21:26 #

    Bella, viè qua, mica sto a pettinà ’e bambole! Aò l’altro giorno ho ammazzato ’na serpe che se stava a imboscà nella stalla de mi nonno. Ma che ne sai tu aò! Mica c’ho avuto paura, me stava quasi a ammazzà, ma che te credi? Che me frega a me, se uno me rompe li cojoni io l’ammazzo, hai capito bella? Ho preso ’a vanga e gliel’ho spaccata n’testa, che te credi, è uscita ’na gettata de sangue e latte, quella se stava a magnà er latte de mi nonno. A bella vie’ co’ me che te porto nella stalla de nonno mio e te faccio vedè io come s’ammazza n’animale. Nun ce credi, guarda che se me fanno girà li cojoni glie faccio un culo così, hai capito bella?

  6. anonimo 19 gennaio 2009 a 15:55 #

    ’E serpiente? Guagliù, ie m’’e magne a colazione, modestamente. L’atu juorne n’agge truvate uno int’’a stalla, ruosso accussì, minimo minimo quatte metre, ma forze èrene pure cinche o seje, era ’nu bestione ’e chesta manera, cu ’e scaglie pe’ tutte parte, pareva quase ’nu draghe cinese. ’O fatt’è che là ddinte ce mògnene ’e vvacche, e ’o llatte ogne ttante care ’nterra e va a fernì int’’a ’nu scarico addò chille s’era fatta ’a casarella soja. Pecciò era accussì cchiatte, se l’era zucate tutt’isse chillu llatte! Comunche, l’atu journe steve ’nt’’a stalla e bell’e bbuono m’’o veghe ascì à lloche ssotte tutte ’ncazzate – l’eve scetate, a milòrd! –, e abbìa a ffà tutte fischie e controfischie ca facevane tremmà ’e pparete. Ce asceva ’nu vapore curiuse à int’’o musse, e ogne ttante reva ’na botta ’nterra e se staccavene ’e piezz’’e ’ntoneche à vicin’’o mure. Me vuleva fà paura a mme, chillu cusarielle bbrutte, tz! Ie agge piggliate ’na mazze e ce agge ritte: “Viene ccà scemunù, ca te facce nuove nuove!”, e comme ’o serpente s’è ’vvicinate ’nu poche, ce agge chiavate ’na Ddie ’e bbotta ’ncapa ca chille s’è mmise a gguaì cumm’’e ’nu cacciuttielle! Pareva ca riceva: “Pietà, pietà, nun m’accire!”. Ca po’, si teneve tiempe a sfasce, forze ce pazziave pure ’nu poche, ma jev’’e presse, e ce agge ritte: “Guagliò, nun me rice niente, ma t’aggia accire, si’ troppe bbrutte e tenghe troppe che ffà”. E cu n’ata botta secca l’agge fatte piezze piezze.
    Vittorio Tavini

  7. anonimo 20 gennaio 2009 a 22:55 #

    ’Nsomma quer rincojonito de mi nonno sta a prende er latte dalle tette delle vacche no?, e sbrodola tutto pe tera che c’è ’na zella da fa schifo pure ai maiali, cazzo, sto latte che sbrodola così dar secchio e va a finì ner buco, quello pe scolà il piscio delle vacche via… e là dentro ce stava la tana de quer serpente, porca troja, era de du metri minimo, pure deppiù, e er vecchio nun s’ accorge de gnente e va a pià sto secchio che sbrodola latte a tera. Lo prende e sarta fori sta biscia paurosa! Quer cojone der vecchio s’a sta a fa sotto, c’ha du occhi che pareva strafatto de robba! Che tajo, cazzo! Cioè, io me guardo sto schifo de biscia che esce dar buco, questa me guarda come a dì: “’mbè, c’hai problemi?” E resta là a fischià peggio de n’arbitro cornuto. Allora me sò girate le palle e me so detto: “Mo’ basta!” Ho preso a pala che stava là ar muro e jo dato na ranfognata da spaccallo n’due! E na parte è schizzata de qua e n’artra dellà, diviso in due manco l’avessi fatto de cortello! Un corpo solo, cazzo, te giuro! Ma a peggio cosa è stata che dar pezzo davanti de sto schifo è partita ’na cozza grossa così de na robba zozza, nun lo vojo manco sapè che cazzo era, bianca e rossa che pareva bava! E prende n’faccia quer vecchio de mi nonno, lo pia n’fronte e je fa volà a fanculo er cappello. E lì te giuro sò scoppiato a ride de brutto, robba da pisciasse sotto dalle risate! Che cojone!
    … Però forse era stato lui a prende la pala…

    Giorgia Meliffi

  8. anonimo 21 gennaio 2009 a 11:06 #

    «Nun poi capì che m’è successo oggi. Sò annato nella stalla pe prende quer cacchio de secchio pe mettece er concime e chi me trovo davanti? Un cacchio de serpente che s’era fatto casa nello scolo. Era ‘na bestia de tre metri pe due, co du occhi che pareveno spiritati. M’ha guardato dritto nelle palle dell’occhi e me sfidava, come a dimme: “Guarda mò che te faccio”. E sai che gli ho fatto io? Co ‘na velocità che manco un furmine ho preso la pala che stava là vicino e gliel’ho sonata in testa. C’ho messo così tanta forza che er povero animale s’è aperto in due come ‘na cozza… me sò zozzato tutto de sangue e der latte che quel fetentone m’aveva rubbato, e m’è pure cascato er cappello»

    Moira Mattioli

  9. anonimo 26 gennaio 2009 a 12:55 #

    Quannu me nannu munciva i vacchi, chi avia abbunnati e beddre, u latti asciddricava rintra u scarico sutta a tanga. L’aimmalu, digraziatu fitusi chi si l’avissiro a rusicare i cani, si vivia u latti fiscu chi ci scinnia rintra a tana. Appena me nannu bonanima sdivacau u vacile pi mettici u concime bonu l’aimmalu fituso, rossu ri moriri e longu longu, aisau una ran testa tanta, ittau un fischio ru riavulu e rette una ramazzata ca cura chi fici tremari tutti cose. Me nannu bonanima e l’aimmalu fitusu arristaru alluccuti. Me nannu mi risse chi pinsau: “Ora ci fazzu abbirire eo a stu bestia!”. Pigghiu u fuiccune e cu una ran botta ci rumpiu i coinna (accussì s’insignava stu bestia). U vastasu, malirittu iddru e tutta a so stirpe, prima ri moriri ittau uno schifiu ri latte e sangu chi insettao a testa ri me nannu e ci fici cariri a coppola.
    Carla Cassiano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: