15 Mag

A) In un dialetto a scelta (specificare). Minimo 1300 battute compresi gli spazi (da ora in poi “bcs”);

11 Risposte to “”

  1. anonimo 18 Mag 2008 a 21:09 #

    So’ nato in un paese de cojoni e teste de cazzo e po’ esse che arisulta che pur’io so’ ‘n po’ stronzo e ‘n discreto fijo de ‘na mignotta. L’anima de li mortacci loro de ‘sti cojoni cor cervello fracico che hanno scerto come capoccia n’artro cojone cor cervello più fracico der loro, che se l’è comannata e se l’è scoattata come je pareva, facenno er bello e er cattivo tempo, quanno ja risurtava.
    Uno che quanno ce staveno li capi come Cristo comanna, quann’ero arigazzino io, nun sarebbe stato scerto nemmeno pe’ ffà l’amministratore der condomigno, e se je diceva culo, finiva a pulì i cessi a Tor Bella Monaca, ma popo se je diceva culo.
    Sto cojone è stato invece scerto d’artri cojoni peggio de lui peffà er capoccia, e ‘sti cojoni poi l’hanno pure mannato affanculo, ma poi so o so’ riaccolato, popo perché so’ cojoni, e mo’ pare che stanno de novo amici come prima, er cojone capo e l’artri cojoni, e chi s’è visto s’è visto, è finita a taralucci e vino.
    Ma a ‘sto fijo de na mignotta ja piace solo da fa’ la guera e spenne li sòrdi, e dice che se ce non c’hai n’cristiano da ammazzà to o devi inventà paro paro, e comunque è mejo si te caghi sotto e si te rode er culo che li manni affanculo tutti.
    Ma pur’io alla fine so’ n’ cojone e ‘na testa de cazzo, in quanto che te ce sto a mannà pura a te, e te stai ancora qui che stai a legge, ma che te leggi, ma vatte a ripone e vattela appià ander secchio, te e chi ‘nto o dice colla mano arzata.
    Francesco Rende

  2. anonimo 19 Mag 2008 a 00:56 #

    A) Dialetto romano volgare
    So’ propio nato ner paese de testa de cazzo! Me sà che siccome ce so nato pur’io me tocca da esse ’na testa de’ cazzo pure a me. Quei cojoni hanno eletto, pe’ sempre, mica pe’ du giorni, pe’ re ’no stronzo, uno che non jé parso vero de governà co’ sfarzo, manco fosse er papa! E s’è portato appresso tutta ’na corte de burini peggio de lui che c’hanno occhio solo ar portafoji. In artri tempi uno così contava come er tale che leva ’a monnezza dalle strade dopo ch’er circo se n’è ito via. Tutti se so scordati deli guai che c’ha combinato sto’ fetente, che je piace solo da andà in giro a squattrinà, o a fà la guera co’ la pora ggente. Ormai se respira aria de battaja, co’ lui che fomenta ’a paura de andà in giro, e nun fa che ripete che pe’ tutti sti’ nemici che c’abbiamo, che so contro de noi, ce spiano pe’ potecce coje en’fallo, ce vole uno come lui, che c’apre gli occhi, che risistema ar mejo la faccenda, che da ste’ strade toje la puzza che se sente.
    Io però non è che so’ propio tanto convinto de voleje pè forza anda dietro, non è che mi convince fino in fonno ’sta faccia da galera che se trova, me sa che sotto sotto tutti ’sti nemici ’i vede solo lui che pensa de potè fregà ’a gente pe’ farsi beatamente i cazzi sua. Te piace propio fà la guera a tutti i costi? Te piace ribbadì er tuo potere in tutto er monno? Io non lo so chi c’ha raggione fino in fonno, ma so che non m’importa gnente de continuà a stà sotto ’sto stronzo. E se so ’n cojone come tanti che continua a scrive ’sta robbaccia, forse sei stronzo pure te che ancora me continui ad andà dietro?
    Carla Perrone Capano

  3. anonimo 19 Mag 2008 a 01:03 #

    Dialetto romano

    So’ nato ’n paese de cojoni teste de cazzo, che nun ce ’o sai? E me sa che ce so’ pur’io cojone, pe’n fatto, che ne so, de vicinanza, o de geni, boh, che cazzo ne so. Beh ’nzomma ’sti cojoni teste de cazzo ’o sai chi cazzo se so pijati come capoccia? ’N artro cojone testa de cazzo come a loro! Ma dico io… Cioè, uno che dovrebbe conta’ meno der due de coppe quanno regna bastoni, teribbileee! Ma ’a peggio cosa ce ’o sai che è? Che prima ar cojone testa de cazzo j’hanno leccato er culo ’sti deficienti, poi me sa che se so’ ripijati, se so’ dati tipo ’na svejata e me sa che je l’hanno pure messo ar culo. Però mo’ che fanno? Gnente, anzi, je va bene così e je rileccano er culo ’n’artra vorta, ’sti cojoni teste de cazzo! Robba da matti… Cioè, te renni conto? ’Sto cojone sta là a fasse tutti i belli impicci sua, a pensa’ a li sordi e a’ guera e a di’ cazzate grosse come ’na casa, tipo NOI SEMO LI MEJO, NON TE FIDA’ DE NESSUNO, PARTI DE CAPOCCIA E MENA DE BRUTTO… Se pensa de esse’ er comandante de tutto er monno, se crede ’sto cazzo ’sto deficiente… Mortacci sua, nun se regola! Me sa che alla fine ce so’ pur’io ’n cojone testa de cazzo che sto a spreca’ er tempo così co’ste cazzate e te sto a fa’ perde tempo pure a te, che te ce chiamo pure testa de cazzo…ma ’nammosene a fanculo tutti quanti!

    Elisabetta Garzia

  4. anonimo 19 Mag 2008 a 02:07 #

    a) Dialettale (romanaccio)

    ‘Sto paese è pieno de teste de cazzo e me sa che pur’io devo da esse ‘na testa de cazzo perché so’ nnato qua (‘mmazza che pijata a mmale!). Tutte ‘ste teste de cazzo che stanno qua se so’ scerte pe’ governasse n’artra degna testa de cazzo quanto a lloro e ‘sto cojone s’è mmesso a detta’ llegge come ‘n capetto orgojoso, tipo so-tutto-io, ‘sto deficiente, che manco l’urtimo dej’urtimi… co’ quaa pelata me pare quer poraccio che lavora ar garage qua ssotto, come se chiama, che nun è bbono manco a ditte sciao. Nsomma pe’ finilla co’ sta storia bisogna di’ che ‘sto cojone nun è che ce sta popo pe’ caso su quer seggio: ha trovato tutta ‘na massa de stronzi che l’hanno festeggiato, uh dovevi vede’, daje a ffa’ feste ar pelato… e er bello o sai qual è? Che poi je se so’ pure ‘ncazzati, je se so’ aribbellati contro, però poi n’ se sa perché ariecchelo qua, de novo ar posto de comanno, e tutti l’artri stanno de novo a capo chino, guardeli, che minchioni, mentre ‘sto stronzo continua a riempicce de stronzate su a sicurezza, a mafia… che poi gira e riggira, vai a vedè so’ tutti amici suoi, de ‘sto nano malefico che se mette er tacchetto sotto e scarpe, sennò se sente ‘n piccoletto… E poi stà sempre a ride, ‘sto cojone. E ride, ride… Ma che cazzo se ride?! St’infame… ce sta a ‘nquinà sto ber paese nostro a forze de stronzate. Ma però pur’io so’ ‘n povero stronzo e da tre ore te sto a ddì stronzo pure a te, quindi mò bbasta, a finisco qua.

    Eleonora Del Baglivo

  5. anonimo 19 Mag 2008 a 06:46 #

    Dialetto triestino

    Ciò cossa volè che ve digo? Mi son nato in un paese de mone teste de cazo e anca mi per via de ‘sto fato poderia eser considerà un mona testa de cazo. Viva la e po’ bon te diria ti, inveze quele mone teste de cazo i gà pensà ben de mandar su quel mona testa de cazo, e chi sarà quel mona? E cossa ga fato quel mona? Ga governà che ghe pareva de eser l’Imperador Franz Josef, per cui un vero mona patentà, cos te vol dirghe? Se iera ancora el mustacion altro che monade, mi non lo gaveria ciamà nianca per disbunir el condoto de casa mia. Xe cussì, xe tutto un giro de grembani, savè cossa che ve digo muli? Tutto xe nato per via che un mona xe sta eleto da dei mone teste de cazo, ciamemoli pur per nome: grembani, mone, lole, paiazi, tululù, sempre i stesi i xe. Quei che i lo gà votà, i logà foraggià e pol anca darsi che i lo gabi scarigado ma a la fine de tutto sto cine i se gà desmentegà o pezzo i lo gà perdonà. Come se non bastassi anca i lo ama quel mona de testa de cazo, che no se pol dirghe altro a un che ghe piasi de giogar alla guerra e ghe piasi anca le fliche, te ga capì come che semo combinai? E sa cossa nassi? El mulon non gà rispeto per el nostro dialeto e non fa altro che ciacolar a vanvera e quel che xe pezzo xe che ne inquina la nostra aria con monade tipo SE NON TE GA UN NEMICO TROVINE UN E NEL DUBIO COLTIVA LA PAURA E L’ODIO mi me par robe de mati ciò, anche se devo dir la verità la mia preferita xe quela SEMO NOI CONTRO DE LORI, PECÀ CHE NON SEMO TUTTI NOI. Insoma mulo alla finfine anca mi son un mona testa de cazo, no saria altro per sto fato che te stago dando del mona testa de cazo, e me speto che te vadi vanti a leger e anca perchè go scritto ste quatro monade… no se pol.

    Rachele Palmieri

  6. anonimo 19 Mag 2008 a 12:42 #

    Dialetto napoletano

    Chist’ è nu paese ‘e mmerda. Nun ce sta niente ‘a fà, è nu grande paese ‘e mmerda e nuje simme tutte cape ‘e cazz’. Pur je, ca so nato e crisciuto ccà, aggia essere na capa ‘e cazz’. Sinò nascevo ‘a n’ata parte. A cumannà ce sta ‘a capa ‘e cazz’ cchiù grossa ‘e tutte quante. ‘O rre. Fa cchiù fetenzie isso ca tutte quante nuje mise assieme. Nun c’è stato manco bisogno ‘e ‘mbruglià, cumm’ a tanti sciem’ l’amm’ vutato, amm’ mise na X ncopp ‘a scheda, e chillo s’ha mise ‘a curona ‘ncapa. Chillu fetente, pensa sulo a isso, e s’ha fatto nu sacco ‘e sórde ncopp‘e sspalle noste. Fa proprio schifo, pure a llo guardà. Tene na faccia e cazz’, e quann’ parla fa tutta na smorfia ca pare ca se sta muzzecanno ‘a faccia. Ce piace ‘e jucà cu’e surdatine, sulo ca so’ surdatine overo, ‘e manna a fa ‘a uerra comme a niente. Nun sape manco na parola d’italiano, ‘o rre, ma ce piace ‘o stesso ‘e fa i discorsi, e comme ce piace ‘e parlà, che paruluni. ‘O nemico, ‘a paura, nuje, c’ha fatto fessi cu sti parole, e poi comme se permette e dicere nuje, je mica song’ un‘e vuje. O forse sì. So’ scem’ pur’je, e pure tu, pure pecchè stai continuanno a leggere e a me dà retta, nunn’o vire ca to sto facenno fesso pure a te?

    Gaia Rispoli

  7. anonimo 20 Mag 2008 a 01:21 #

    (Dialetto romanesco parlato)

    Io me sa che ‘so nato in un paese de cojoni, e c’ho paura che pe’ ‘na questione de ggeni so’ cojone puro io (e si ce penso me viene ‘n’angoscia che lèvate). Tutti i cojoni che campano drentro a ‘sto paese hanno pensato bene de votà ‘n cojone, che è diventato er capo de li cojoni e che adesso ce cojona a tutti quanti. Er cojone ha fatto er bello e er cattivo tempo co’ aroganza e spocchia e si ce fossero un po’ meno boccaloni a daje retta, questo qui ar massimo starebbe a raccoje la cicoria, ‘sto falloppone!
    Insomma ‘sti cojoni j’hanno dato er voto, l’hanno portato su un parmo de mano, pe’ ‘n momento pareva pure se fossero accorti de esse stati cojonati e l’avevano preso a carci ‘n culo. Però siccome so’ babbioni come pochi ar monno, se so’ scordati de aveje dato i carci ‘n culo e allora gnente, ancora qua sta, ‘sto fusajaro. A me lui me fa rode er culo, se ne sta lì co’ quella faccia da cacchione, je piace fa’ le guère e la vita da gran signore (e a chi nun je piace, è arivato lui è arivato!) e nemmanco sa parlà e se parla dice cose come MÓRTI NEMICI MÓRTO ONORE, che mi’ nonno dice che ‘ste cose qui je ricordano qualcuno. Ma è mejo nun famo nomi, va, ché so’ nomi brutti. Certo puro io, cèrte vòrte me sento cojone puro io eh, ché sto qui a baccajà, a di’ che sète tutto cojoni e m’aspetto pure che continuate a legge’.

    Chiara Balzani

  8. anonimo 22 Mag 2008 a 14:39 #

    A) Lo sfogo in dialetto ‘scidditanu’ di Ishmael Kidder
    Nascia ntà mpaisi i testi i minchia e, siccomi unu nesci stortu frequentandu chi storti, o forsci pirchi me mamma, me patri, me nonna, me nonnu, i me zii, i me frati, nasciru tutti nda stu paisi, aiu assiri puru ieu nu testa i minchia, non c’è nenti i fari. I testi i minchia ru me paisi ficiru guvernari a n’autra testa i minchia, e chistu cumandau comu nci pastri a iddu (su viriti pari nu re!), n’tipu chi si erumu n’ta autri tempi, nte tempi ra verra per esempiu, o massimu era l’urtima rota ru carru, nenti i ’cchiu. Sta testa i minchia vosuru mi nchiana autri testi i minchia comu a iddu, chi magari prima nci tinivunu puru a cura, o peggio ancora u runzavunu. Ma chistu, siccomi l’autri su testi i minchia tiu d’iddu, o ficiru finta mi si sperdunu i cu era e i cu non era, oppuru nci passaru i supra e ora nci vannu rampesciu. A stu testa i minchia nci piaci mi iarma sciarri, mi futti sordi e mi nesci cazzati ra bucca. Na vota rissi: “Se nuddu ti scassa a minchia, scassancilla tu all’autri”. Nautra vota inveci si ndi nisciu cu nautra ri so cosi (e chista faci tiu ririri!): “Simu nui cuntra a l’autri, però era meddiu se erumu i ttiu”. Ruati a stu puntu, puru ieu aissi assiri na testa i minchia, sulu pu fattu che staiu parrandu cu tia, e siccomi staiu parrandu cu tia, comi minimu a leggiri nsinu a fini chiddu chi scrivia.
    Rocco Bellantone

  9. anonimo 23 Mag 2008 a 14:58 #

    Dialetto maddalenino
    Sogu natu in un postu di stupidi capi di cedda e propriu perché ghi sogu natu e perché sogu di mio babbu e su mudderi, di mio nonno e su mudderi e del babbu di mio nonno e su mudderi, che sono tutti stupidi capi di cedda, sogu puri dgje unu stupidu capu di cedda. Quisti stupidi capi di cedda du mio paesi hanno elettu re unu stupidu capu di cedda, e iddu ha governatu come un maleintrignato, unu stupidu capu di cedda, unu stupidu capu di cedda che nun ghi n’ha gana di sciurtissene, che in un altru periudu saria peddgju di un carrammerda. Quistu stupidu capu di cedda è statu elettu da stupidi capi di cedda con l’aiuto di stupidi capi di cedda, ma anche schifatu da stupidi capi di cedda. Ma gli stupidi capi di cedda, vistu che sonu stupidi capi di cedda se ne sonu scurdati o l’hannu perdunatu e amani di novu quistu stupidu capu di cedda. A quistu ghi piaci la guerra e i dinari e ghi piaci magnassi u nostru dialettu, dicendi frasi tipu SI NUN G’HAI NEMICI FIDDJUOLANE UNU, E NEL DUBBIU CULTIVA LA FUFFUTTA E L’ODIU, anchi se quiddu chi preferiscu tra quiddi che nun usa è SEMU NOI CONTRU QUIDD’ARTRI, PECCATU CHE NUN SEMU TUTTI NOI. Ma puri dgje sogu unu stupidu capu di cedda e senunaltru per u motivu che ti sogu chiamendi stupidu capu di cedda e mi aspettu che tu nun ti ni sciorti, e per aver scrittu quistu affari.

  10. anonimo 23 Mag 2008 a 14:59 #

    Ho dimenticato di firmare il dialetto maddalenino.
    Luca Tozzi

  11. anonimo 23 Mag 2008 a 15:39 #

    Dialetto siciliano
    Vegnu run paise ri quaquaraquà e magari margari puru yo, vistu chi ddocu ci nascivi e criscivi, sugnu nu quaquaraquà. Ddi quaquaraquà ru me paisi ficiro acchianari comu re a na ran testa ri minchia chi si mise a fari e sfari in pompa magna soccu ci piacia chiossai, propriu comu sulu na testa ri minchia po’ fari; chi poi, si fussi statu na nautru periodo e na nautru paisi, manco pi fari u pagliaccio no circo si l’avissiru pigghiatu. A verità è che stu rannissimo quaquaraquà e testa di minchia acchianau picchì ci foru sì chiddri chi l’appuiaru, ma anche e soprattutto picchi chiddri chi prima l’aviano schifiato ra testa fin’e peri o lu perdonaro o si scuiddaro chi l’aviano schifiato. Fatto sta che ora a sti quaquaraquà ci piace farisi cumannari r’un minchiune patitu sulu ri picciuli e verra e chi si ni sta assittatu ddocu a sminchiare u nostru paisi mentre si muzzica tuttu l’ionnu a funcia; e un sulu: ci spara puru li megghiu minchiate! Tipo chiddra chi S’UN C’HAI UN NEMICU, CECCANE UNO, E N’TANTO, FAI COCIRI RINTRA A GENTE L’ODIO E U SCANTO. N’autra troppu bedda era SEMU NIAUTRI CONTR’A IDDI, PICCATU C’UN SEMU TUTTI. Piccato chi poi chi stu rittu l’abbannunau!
    Comunque a cunti fatti mi sa chi puru yo sugnu na ran testa di minchia, picchi un sulu ti staiu ricennu chi si nu quaquaraqua puru tu ma soprattuttu picchi vogghiu chi continui a leggiri stu branu chi staiu scrivennu.
    1399 bcs
    Azzurra Carnesi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: