28 Dic

A) In dialetto (se non specificato si tratta di quello romano). Minimo 1300 battute compresi gli spazi (da ora in poi “bcs”);

10 Risposte to “”

  1. anonimo 29 dicembre 2007 a 11:43 #

    Davanti a tu’ padre, te sentivi ‘n pizzico. Nun c’erano più li scarabbocchi che facevi sur tavolo, nun te reggeva più de fa’ la filosofa. De fronte a tu’ padre nun c’avevi certezze, nun c’erano più li scrittori tua a datte forza, come se chiamaveno? Leopardi, Kafka, tutta quella gente là nun te poteva più aiuta’. E nun potevi più esse la mejo. Eri ‘na bestiola, ‘na cacasotto. N’eri gnente.
    ’E parole nun t’uscivano più e me parevi ‘n sordatino. Quanno te vedevo così me veniva ‘na voja de famme grossa. C’avevi ‘na paura che te se portava via, e io, a vedette così, me sentivo forte. Io nun ce n’avevo manco ‘n po’, de paura.
    E nu’ la smettevo de parla’, mamma mia quanto parlavo, a tu’ padre lo ‘ntontivo de parole, l’obbligavo a sentimme, a fregassene der teleggiornale. E pure si c’avevo li capelli fòri posto, pure si li vestiti mia parevano cenci, pure si c’avevo l’orecchie piene de bbuchi, pure si parevo ’na poraccia, io, annanzi a te, che te ne stavi all’angoletto co’ la felpa tua rossa e li carzòni stirati, l’orecchie ‘mmacolate, ‘a pelle che pareva de seta, io, ar contrario de te, io sì che a tu’ padre je piacevo. (1130 bcs)
    Sara Trabalzi

  2. anonimo 2 gennaio 2008 a 23:05 #

    Siciliano
    “Minchia camurrìa! Non ci bastava sta nottatazza d’infernu, ora si ci mettuno puru li studenti chi vonno cangiari l’italiano nto siciliano. Ma c’affari? Ca poi mi ricunu c’haiu a testa malata, chi fici i sordi e misi superbia. Basta và, pigghiamu stu testu e viremu di chi parla. Cu è l’autore? Postorino Rosella. Boh, mai canusciuta.
    Davanti a tuo padre caracollavi…
    “Mii, bonu ncuminciamu… ‘caracollavi’… ma chi veni a ddiri ‘caracollavi’? Iu ‘caracollavi’ mai l’haiu usatu; megghiu ‘cimiavi’ allura, che è u movimentu chi fanno i punti di ll’arbori quannu c’è ventu.
    Niente, Andrea, vole dire che ‘jurnata rutta rumpila tutta’. Rosetta, ’un ti siddiari gioja, u’ cafè.
    Niente più disegni, parole, concetti…di fronte a puo padre le tue certezze barcollavano… non eri più niente, né la migliore… eri una bestiolina intimidita…
    “Bestiolina? Bistiunazza, porco diavuluni, deci voti bistiuna! Lassamu perdiri, annamu avanzi. Rosetta. Rosetta! E u cafè?
    …e così iniziavo a raccontare… a distrarre insidiosamente tuo padre… “ecco già megghiu è, anche se stu ‘insidiosamente’ mi sta in capu ai cabasisi” – … e così, nonostante i miei capelli scompigliati, i miei vestiti sdruciti… – “bonu, sta finennu” – …io, a differenza di te, ho iniziato a stargli simpatica. – “Punto. Fine, finiu. Menu mali. Ma cu è chi ci scassa a st’ura cu u telefono?”.
    – Pronto, chi parla?
    – Dottore Camilleri buongiorno, Montalbano sono. Scusi se la disturbo ma volevo essere sicuro che aveva ricevuto l’imeil che ci mannai stamattina. Chi fici, a liggiu? Ci piaciu?
    – Buttanazza da’ regina, Montalbano, sicuro ero che c’entrava lei cu sta gran scocca di camurrìa. Ma ci pari giustu, dicu io, che a un povero cristiano d’ottant’anni sonati ci toccano ancora stì fissarìe? Chi poi pi diri chi? Di na povira carusedda ca’ nun po’ vidiri a so patri, chi ci giranu i santi orfanelli ogni vota ca sa trova ‘ntornu, e di na so amica che si cridi sperta che invici, datu che la rabbia c’acchiana a idda, accumincia a cuntari e cuntari e finisci chi a ddu sant’omo ci rinesci simpatica? Tutto qui. Ma poi Montalbano, mi dica lei, ma quannu mai al giorno d’oggi i picciotti parrano chi vecchi? Mai dico iu, e allura? Ce lo dissi Montalbano, ottant’anni aiu e se non m’asbrigo u jocattulu si rumpi e ‘ti saluto piede di fico’. E lei, Montalbano lo saluta con me.
    La riverisco, grandissimo curnutu.
    “Rosetta, Rosetta! Ma comu finiu cu sta minchia di cafè?”.

    Luigi Scaffidi

  3. anonimo 3 gennaio 2008 a 11:29 #

    Napoletano

    ’Nnanze a patat’ e cosc pampaniavana. Te passava o gènio e allurdà’ o papéllo, e arraggiunà’, e parlà’. ’Nnanze a iss’ i tuoi penziéri s’arrutecavano, Kraffikin, Liupard e Curradin addiventavano uajun’ e putec, e tu nient faciv’, sulo, a bella statuin. Nu’ jier cchiù a primm ra class, ma che stong ricenn… nu’ jier cchiù nisciun’. Me pariv’ n’animalucc’ appaurat, senza prosopopèeu, stiv semp là là pe’ ta squaglià. Ra vucchélla toja nunn’ asceve nu poco e sciato, era cumm’ a na còzzeca turda e tu, tal a qual a na chiarchiòsella. Mamm’ ro carmen, nu’ sajeu quant’ arraggia me métteva ’ncuòllo chella situazion’, te vulev’ fa’ for’, te vulev’ magnà’ piezz’ pe’ piezz’… io ero o lion armuso e tu a carfagna ca tremmarèlla, lassata alla sua sciòrta. Accussì, senza cacavéssa, accumenciavo a cuntà’ e fatt, e patat’ me stava a sentì: ’ntènnevo l’art’ ra parol. Mò’ se ne futteva ro teleggiurnal’… pe’ forza, lo custrégnevo a respognerme. Accussì, purzì’ purtav’ e capill scumbinat, e pann’ ’nchiavecat e na filèra e chiurchièll’ ncòpp’ e recchieu, io, abbècino a te, che stiv assittat ca facc’ ’mbront o mur, cu na magliett’ che parev’ na cupert, nu par e cazzun ’a còppa e scarp’ e futtingg, ch’e luobb senz’ambratt e a pellécchia pulezzata, io, tàggiu ’mbrusat, màggiu pigliat chell che te manc’, o bben e patat’.

    salvatore

  4. anonimo 6 gennaio 2008 a 15:28 #

    Pugliese

    Annanz’ a pat’t stiv citt citt, ‘n faciv mang ‘na chiacchier’. N’g’stevn’ chiù Leopardi, Kafka, Conràd, i’ scrittur che t’piacevn a te. N’ev chiù nind. Né a meggh, né nind. N’ev chiù tu a meggh d’à class, chill che facev u tem chiù bell de tutt’, o ch’ avzav a màn e dicòv a cos’ chiù giust, semb. ‘N anmàl schantat, iss t’facev dvendà ‘na serv’. Tu stiv a cuntà i paròl, stiv a fà tutt’i servizj p’ iss. C’a cod’ ammizz ae coss, a capa ammucciàt. Efess! Stiv attint attint a chill che aviva dì, ancòr a iss n’ij piaciòv. Ij ng’ a facev a vedert accussì, e m’ venèv vogghj di risponne a mè p’ tè… anz, vist che tu natu poc t’ muriv pa paur e t’ stiv a cacà sott’, allor ij poutòv parlà au post tuj. Pecchè ij n’ tnov paur. Propr p’ nind.

    Accussì i’abbiav a dì tanta fatt, a parlà e parlà, evoggh a dì, tant che patet avòva p’ forz luuà l’ucchj da ù telegiornal e riponn a me. C’ stev a dumannà tand cos e ciciriav pcchè i’ vulev che iss me guardass. E accussì, pur pi’ i cappill lurd e scingiliat, pi’ vestit strazzàt e tutt quilli ricchinu di firr ‘mbacc ai recchj, a me, e no tu, assittat brava brava, citta citta sop a chella segg, p’na maglitella roscia sop ai jeans e i scarpett da ginnastic, i recchj senza mang nu ricchinu, a facc da brav uagliòn, a pell jang com’ a nòv, propj a me, e no tu, patet m’ha abbiat a pigghià ‘nsimpatij.

  5. anonimo 6 gennaio 2008 a 15:28 #

    benedetta

  6. anonimo 6 gennaio 2008 a 22:58 #

    De fronte a tu padre sbandavi, nun sapevi più ando anna’, che ffa. ’N ce stavano più i disegni, e parole, quelle precise che usavi ppé definì e cose, i raggionamenti su e persone, e cose e tutta sta robba qua. De fronte a tu padre e certezze che c’avevi ’n ce stavano più; Leopardi, Kafka, Conrad, ’n ce stavano più; n’eri più er meglio tema, n’eri più a meglio risposta. N’eri più niente, né a meglio né niente. Eri ’na bbestioletta timida, te facevi dominà, te facevi mette i piedi ’n testa. Stavi là a pensa se parlà o nun parlà; je dicevi sempre de sì a tu padre; me facevi ’na rabbia a vedette così, ma poi pensavo pure che a me me piaceva che stavorta eri te che te c’avevi paura e io ’nvece no, io me ne potevo sta tranquilla. E così me mettevo a raccontaglie e cose, o distraevo co e domande a tu padre, così nun se riusciva a guardà er tiggì e je toccava pure de risponnemme. Aa fine pure che c’avevo i capelli tutti ’ncasinati, che ’n se sa a robba che me me mettevo in testa a mattina, i vestiti sdruciti de qua e de llà, ’n sacco d’anelli a e recchie, mentre che ’nvece te c’avevi a ferpa, i gginse quelli de marca, come se chiamano, ah ssì, i Levisse, e scarpe da tennise, e te ne stavi llà buttata all’angoletto, co a faccia tutta pulita, senza manco ’n buco a e recchie, aa fine, te dicevo, je so riuscita più simpatica io a tu padre; tiè, beccate questa.

    Layla Bules

  7. anonimo 7 gennaio 2008 a 10:06 #

    romano
    Che mentre che te te ne stavi là davanti a tu’ padre e nun spiaccicavi ‘na parola manco a pagatte, che nun me so spiega’ perché te fa ‘sto strano effetto, ma quando s’appresentava tu’ padre te me facevi n impressione che nun te so di’! Te faceva sembra’ peggio d’un cane bastonato, che nun me parevi più te, pe’ come te conoscevo io, e cioè quella che se legge Leopardi, Kafka, Conrad, ma me sembravi tutt’a un tratto insignificante, ‘na quaquaraquà come ce ne so’ tante, nun c’avevi coraggio manco de guardarlo dritto in faccia o de parla’. Tutto er contrario de me, che nun vedevo l’ora de veni’ da te pe’ staglie vicino, pe’ famme guarda’: nun appena me trovavo nella stanza con lui me mettevo a racconta’ de questo e quest’artro, lo rimbecillivo de chiacchiere e nun glie facevo manco segui’ er telegiornale, perché nun glie davo pace, peggio de ‘na goccia cinese, finché nun me risponneva. Non è che m’acchittassi pe’ lui, anzi se po’ di’ che nun me se poteva guarda’: co’ ‘sti capelli che mi ritrovo, sempre impicciati, ‘sti vestiti che me metto addosso, ché c’ho solo stracci vecchi, e co’ tutte ‘ste chincagliere che c’ho sulle braccia, al collo, alle orecchie che stanno sempre a tintinna’; però lui me guardava lo stesso. So’ convinta che pure se eri te quella immacolata, vestita tutta precisa, che se guardava bene da rompeglie le scatole quando se ne stava stravaccato sul divano a vede’ la tivvù, alla fin fine io glie facevo simpatia. Forse perché io me ne fregavo de tutto; ma del resto a me nun me poteva di’ niente, quello che dovevo o nun dovevo fa’, e io facevo come me pareva, e me sa proprio ch’è pe’ questo che glie piacevo, perché ero l’unica in quella gabbia de’ matti che nun se faceva mette’ i piedi in testa da lui, come facevi te.
    (bcs: 1763; parole: 320)
    livia pieribi

  8. anonimo 8 gennaio 2008 a 12:55 #

    ternano

    La stanza su sopre

    Quannu che stei dinnanzi a tu padre scillicavi che ’n ze cce crede. Gnende imbicciarelli come quilli che ponno esse li tua, li disigni, li penzieri. Quannu che stei là la stanza co tu padre te svagavano li cungetti, ’n ge steano più quilli scrittori de ’na vorda ghe te piacevanu tantu, li Leopardi, li Kaffeki, li Corradi, n’eri mancu lu mejo tema, la mejo ribattuta. N’eri propriu gnende, mancu la mejo fijarella, eri ’na bardascitta da pocu. Eri addumesticata comme na pora celletta, succube comme nun z’arconta. Te mettevi a pesà co lu centimetro tuttu quillu che dicevi, facevi a modu tuttu quillu che ce stea da fa’ là casa. E quannu che te vedevo cuscì me venia voja de pijammela co cherchecosa, co ste mano pijerebbe a stiaffi anco chircheduno se propriu te lu devo dì, ma visto che ce stavi tu a panicà, io me sendivu sullevada. Nun ge l’avevo propriu ’sta paura, nun te preoccupassi, mica so pacia. È che propriu ’n te capivu: mica c’hai da fa’ tu, c’ha da fa’ chi t’ha dato lu latte! Mi padre stea là la stanza su sopre, silenziusu, te almeno co lu tua ce poli argumentà! Ma vabbè, famme sta zitta ’mbò, che l’emo capitu tutti come vanno ’ste cose.
    Cuscì pijavo lu busse e quannu che t’abboccavo là casa me metteo a discute co tu padre, a daje fastidio mentre ghe stea davanti a lu tiggì, e visto che nun me manga ’n bò de favuar fere lu custregnevo a risponne a le domande mia. Je davo fastidio pure a tavola! Foss’anghe pe’ dijè solamende: taglia lu pane, cunnisci l’anzalada, e poi n’digni, magna e dammene ’mbò. E cuscì, apparte li capilli spettinati, li calzoni birrocchi co li pedalini de fora, le giacchitte comprate giù l’upimme ghe ’n ze potevano guardà e mettece pure quilli pirzinghe là le recchie, io, quannu che te vedevo messa là l’angolo, co sta felpetta roscia sopre li ginzi e giù li telli le scarpe dell’adidasse co li carzitti de marca, li lobbi virgini co quilla pelle sbattuta comme ’n gorbo che te geli, io, a lu cuntrario tua, ho principiatu a staje simbadiga.

    Michela

  9. anonimo 8 gennaio 2008 a 17:50 #

    romano

    Davanti a tu’ padre te facevi ‘n pizzico. Nun c’era gnente che te potevi inventa’, gnente a cui potette aggrappa’, era inutile che te provavi ad arrampica’ sugli specchi, sguinzagliando un leopardo o sciorinando un Corrado, nun c’era tanto da di’ pecché l’unica risposta certa era: “nun conti ‘n cazzo!”. Te trasformavi in un pidocchio e te facevi mette i piedi in testa, nun c’avevi le palle de rispondeje a tono, pecché te la facevi sotto dalla paura, diventavi ‘na pezza da piedi. Vedette così me faceva rosica’, me saliva ‘na rabbia, un veleno che t’avrei preso a schiaffi, t’avrei sbattuto ar muro e gonfiato la faccia come ‘n pallone, e t’avrei detto: “Ahò, ripijate, nun te stai a regola’! ‘Ndo te la sei messa la dignità? In quer posto?”. E visto che te cacavi così sotto davanti a tu’ padre, io me sentivo invece ar sicuro, pijavo forza dalla tua strizza e me veniva voja de prendeme co’ lui quello che nun m’ero potuta prenne co’ mi padre. Annavo a rompeje l’anima mentre se stava a vede la tv e lo rinncojonivo co’ dumila domande, facendo la smorfiosetta. E anche se c’avevo i capelli arruffati che parevo ‘na matta, ero vestita come ‘na sdrucita e c’avevo le orecchie bucate da n’ammasso de’ ferraglia, io che c’avevo ‘na parlantina e vicino a te parevo ‘na sciattona, mentre te stavi da ‘na parte, zitta e muta, co’ i tuoi vestiti carucci e precisi, co’ la faccia pulita, nonostante tutto questo io je so’ stata pure simpatica a tu’ padre e so’ riuscita ad aruffianammelo.

    stefania

  10. anonimo 9 gennaio 2008 a 19:21 #

    Carrarese

    Davant a to’ pà parev ch t’ cascas n tera, a m parev ch ‘n ter pù te. I ‘n ern pù dsegni, parode, conceti e riflesioni. Pareva ch t’ aves la zuca vota. D tute le cose ch t’ sapev cuscì ben, i n’ er rmast pù nient. T’ parev rncretinita, ‘na scema. Davant a to’ pà tut quel ch t credev ver i barcodav, i ‘n ern pù Leopardi, Kafka, Conrad, e tuti chi personagi lì, ch t conoscev cuscì ben prché t’ pasav tut i dì a leger e a studiar. Te ‘n ‘t er pù ‘l tema pù bed, la rsposta pù beda, la pù brava d tuti. Te ‘n t’ er pù nent, ‘n ter la meio, ‘n t’ er nent. T’ er ‘na bstiulina ‘ntimidita, t’ m parev un cagnulin bastonat, ‘n t’ fev nent pr cont to, parev ch t’ fus paralizada. T’ misurav le parode, t’ badav a quel c t’ dicev, t’ fev tut quel ch’i volev lu. T’ m parev na rmbabita. Me a t’ mirav ma sicom t’ er te ad aver fifa d’ lu, me a m sentiv mei. A ‘n avev fifa d to pà me. Fors a m volev vndicar prché te t’ er sempr prftina e me a er semp sgangrata, a fev schifa.
    A racontav d i miei afari, a parlav a sproposit, a distraev to pà dal tlegiornale, i l fev rspondere a tute le mi domande. E anch s’ avev i capedi com na’ zingara, e er vstita com la fiola d’ nisciun, e avev gli oreci pieni d’ anedi, e te invece t’ er tuta beda, ‘n t’l to angulin, con la to flpeta rossa, i Levi’s e le to scarpa da ginastca, gli oreci snza urchin, me a er pù smpatica, lu i m dav udienza. I m parlav, me a er pu nteresante d te.

    Eleonora

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: